Case, boom di vendite nel 2016 in Italia

 

Secondo l’agenzia delle entrate, il 2016 è stato un anno più che positivo per il mercato immobiliare in Italia. Infatti, rispetto ai dodici mesi precedenti si è registrato un incremento medio delle transazioni pari al 20,4%, la maggior parte delle quali sono avvenute tramite agenzie immobiliari.
Un trend che sembra essere inarrestabile infatti, anche nei primi mesi dell’anno le cifre sono positive e secondo gli esperti del settore, sarà così per tutto il 2017.

Le cause
La diminuzione dei prezzi degli immobili ha inciso in maniera determinante nella scelta dei consumatori di acquistare una casa. Nelle grandi metropoli, l’aumento del volume d’affari nelle compravendite è da ricercare nelle agevolazioni per la stipulazione dei mutui e le detrazioni fiscali soprattutto per le prime case.

I ribassi
La città in cui si registra il maggior ribasso è Milano dove, rispetto al 2015, il decremento dell’8,4% che scende fino al 12% per un immobile nell’hinterland. Anche Bologna tiene il passo con una discesa pari al 7% in città e in provincia aumenta fino al 9%. Nella capitale i ribassi si attestano al 5,5% e previamente questa percentuale aumenta più ci si sposta dal cuore pulsante di Roma. Tra le principali città analizzate, a Napoli si registra il tasso più basso con un risparmio del 4%.

Boom di vendite
Un trend che ha coinvolto le principali città della penisola italiana, ad esempio Prato ha registrato un incremento del 55% e Livorno un  + 54% rispetto al 2013 . Bene anche a Bologna e Firenze che fanno segnare +40% seguite a stretto giro dal capoluogo lombardo con un + 38%. Non sono da meno le isole in particolare la Sardegna che con Cagliari al + 25,48% e Sassari al +19,58% si piazzano tra le prime posizioni. Trend completamente inverso per Vibo Valentia, Isernia, Enna e Caltanisetta dove si registra un’inversione di tendenza con un calo delle vendite.

 

Lascia un commento