Domotica: che cos’è e a cosa serve

 

Che cos’è la domotica

Dal latino domus (casa) e robotica o automatica, la domotica, o home automation, studia le tecnologie volte al miglioramento e alla semplificazione della vita all’interno delle pareti domestiche o in qualsiasi ambiente abitato dall’uomo.

Può dunque essere considerata, più specificamente, la scienza dell’automazione delle abitazioni. Si tratta di una scienza interdisciplinare che si serve del supporto combinato di numerose altre scienze e tecnologie tra cui l’informatica, l’elettronica, l’architettura, l’ingegneria e molte altre.

A cosa serve la domotica

Le strategie, le tecnologie e gli strumenti studiati dalla domotica hanno le seguenti funzioni:

  • rendere gli spazi della casa più efficienti e sicuri,
  • ridurre i costi di gestione degli ambienti domestici e non,
  • ridurre i costi energetici,
  • rinnovare i locali e gli impianti vecchi,
  • semplificare l’uso, l’installazione e la manutenzione delle tecnologie applicate.

Le ricerche nel campo della domotica non sono volte solo all’automazione, molti degli studi conducono infatti alla progettazione di sistemi, ovvero interi impianti complessi in grado di gestire e controllare i dispositivi automatici.

Più precisamente, in domotica si distinguono tre livelli di automazione, in base alla complessità degli strumenti progettati, ovvero:

  • Livello 1: dispositivi singoli: in questa categoria rientrano i dispositivi indipendenti di piccole dimensioni quali telecomandi, sensori, segreteria telefonica, citofono e altri ancora; strumenti che il singolo utente può installare da solo, come primo passo verso l’automazione della propria abitazione.
  • Livello 2: piccoli impianti: di questa categoria fanno parte i dispositivi tra loro collegati e gestiti da un sistema di controllo computerizzato, ad esempio: impianti di gestione dell’apertura delle porte o delle serrande delle finestre, etc. Si tratta generalmente di apparecchiature impiegate per controllare una funzione specifica della casa oppure tutti i dispositivi automatici di un intero ambiente.
  • Livello 3: sistemi domotici: è il livello di massima complessità della domotica, la categoria a cui appartengono i sistemi integrati di gestione degli impianti, come quello elettrico, di riscaldamento, acqua, sicurezza. L’utente può accedere al sistema di controllo tramite un computer, una tastiera, un telecomando, un tablet o altri dispositivi.

Tutti i vantaggi

In conclusione, si può affermare che la domotica sia in grado di rendere intelligente, in base ai livelli di complessità delle tecnologie applicate, un’apparecchiatura, un impianto, un sistema di controllo, un intero ambiente.

Lo scopo è quello di rendere un’abitazione più efficiente, sia dal punto di vista del miglioramento della vita e dell’ottimizzazione dei tempi, sia dal punto di vista energetico e dei costi di gestione. In una casa intelligente, le tecnologie e le soluzioni progettate in domotica sono in grado di garantire dispositivi, impianti e sistemi capaci di svolgere tutte o parte delle proprie funzioni in maniera autonoma, se opportunamente programmati.

Ad esempio, un impianto di illuminazione intelligente regolerà l’accensione della luce quando una persona entra in un locale o una stanza, mantenendo la luce accesa per tutto il tempo di permanenza della stessa per poi spegnerla alla sua uscita. In questo modo, oltre a semplificare la vita delle persone, saranno evitati gli sprechi.

Allo stesso tempo, un sistema intelligente di gestione dell’impianto elettrico sarà in grado di regolare l’accensione e lo spegnimento dei diversi elettrodomestici utilizzati in casa per evitare il sovraccarico elettrico che farebbe scattare il contatore.

La domotica è già da anni largamente utilizzata anche a livelli più complessi, ovvero per l’automazione e la gestione automatizzata di interi edifici (building automation) per la gestione coordinata dei servizi quali riscaldamento, acqua, gas.

Una soluzione per migliore decisamente le proprie abitudine e il proprio stile di vita con un occhio di riguardo al risparmio.

.

Lascia un commento