Mobili da esterno: novità e stili 2017

 

L’ultima tendenza in fatto di arredi è il greenery, che ha portato alla luce il desiderio di trasformare tutti gli spazi della propria casa in vere e proprie alcove verdi, dove il calore, l’armonia e l’amore per la natura la fanno da padrone.

Outdoor e indoor 2017: due facce della stessa medaglia

Per il 2017, la differenza tra interni ed esterni si assottiglia. Gli spazi si fanno fluidi e i concept grafici si coordinano. Giardini e terrazzi diventano un’estensione delle stanze, e come queste devono essere arredati, puntando tutto su calore, raffinatezza e accoglienza. Accanto ai classici materiali, robusti e waterproof, all’esterno si accomodano pezzi unici, dagli ampi volumi o curati nei minimi dettagli, che vanno a sostituire le tipiche soluzioni senza pretese, votate alla praticità, degli spazi esterni. All’interno dunque, prendono posto ferro zincato, gommaplastica semitrasparente e bambù, in soluzioni impilabili, leggere e facili da spostare, per consentire a salotti e camere da letto di trasformarsi in luoghi freschi, vivaci e rilassanti, che riflettono l’amore per la natura e il viaggio con spirito etnico o casual-chic. A completare il trend, ci pensano i colori, da scegliere nelle tonalità neutre del sabbia, del greige, del loto e del lavanda, fino ai più caldi marsala e toffee. Mentre per esprimere al meglio la rinascita primaverile, basta optare per verdi freddi e azzurri vivaci e intensi: dallo scuba blue all’acquamarina, passando per lime, petrolio e blu profondo.

arredamento-2017

Come trasformare l’esterno in un luogo accogliente

Per convertire gli esterni della propria casa in un luogo intimo e piacevole, è dunque sufficiente optare per mobili da esterno che si potrebbero sistemare anche all’interno. Il trucco è scegliere materiali resistenti ed idrorepellenti, ma avvolgenti ed eleganti. Oltre al classico teak, alla rafia e alla resina colorata, quest’anno balconi, giardini e dehor si lasciano investire da atmosfere da mille e una notte. Al centro della scena: vere e proprie isole dedicate al relax, a cui dare vita con tavolini e divani bassi e confortevoli. Morbide sono anche le linee, che si riflettono nell’utilizzo di chaise-longue e pouf, ormai non solo per il bordo piscina. E poi poltrone spaziose e sedie da regista in ecopelle e tela, da abbinare a tavoli da pranzo maxi e sinuosi in ferro battuto o mescole plastiche dal feel materico. Per un effetto sofisticato e minimale, non resta che affidarsi agli imbottiti componibili, con cui è possibile arredare sia il soggiorno che gli ampi terrazzi. Per vestire entrambi gli spazi con un tocco più contemporaneo, basterà abbinare giunco e alluminio alla stoffa jacquard e al cotone piquet. L’alluminio in particolare, è perfetto anche in combinazione con la pietra naturale, da scegliere soprattutto per le soluzioni conviviali.

arredamento-esterno-2017

Tessili e accessori per un mood esotico e contemporaneo

Su tutto primeggiano gli accessori, come lampade, mensole e vani contenitore, ma anche pannelli per il verde verticale, cuscini e tappeti, che sono sia soluzioni decorative che piani d’appoggio. Obiettivo: aiutare a delimitare con eleganza e discrezione interno ed esterno. Grazie a elementi in tela acrilica o vinile, molto simili alle fibre naturali, i tappeti risultano gradevoli al tatto e alla vista. I cuscini invece ammantano di calore gli arredi, così da poter ricreare fuori lo stesso comfort ideale dell’ambiente domestico. Le luci da giardino assumono un aspetto rustico, retrò o post-industriale, che viene garantito da materiali come ottone, rattan sintetico e cristallo, quest’ultimo in grado di produrre intensi quanto suggestivi giochi di luce. Cubi in legno e ovali in tecnopolimero riciclabile sono sedute e tavolini che si trasformano all’occorrenza in piani di servizio, per arricchire sia l’outdoor che l’indoor; stesso discorso per i sistemi di mensole e contenitori sospesi, che strizzano l’occhio al fai-da-te tramite cuoio ecologico o tessuto sablé, arredando anche il salotto. D’ispirazione esotica sono soprattutto scaffali in teak decapato e vani in laminato HPL, che assumono forme diverse dal consueto, più simili agli arredi pensati per gli interni, eppure ideali per ospitare piante e punti luce.

Lascia un commento