L’evoluzione del Gruppo dal 1988 al 2018

 

Quando Tempocasa è nata, trent’anni fa, i primi passi li ha mossi nell’agenzia di Mariano Comense. Poco dopo sono arrivati a cascata altri punti vendita, ma almeno all’inizio l’azienda era composta unicamente da uffici. Poi però ai tre Pres non è più bastato. Il motivo? Hanno subito capito che era necessario ampliare gli orizzonti e la propria mission se la rete era intenzionata a crescere, e lo era. Cosa hanno fatto allora? Hanno letteralmente messo in piedi una serie di servizi paralleli e complementari alla mediazione immobiliare: sono partiti dal campo dei mutui e sono arrivati oggi fino all’organizzazione di eventi e al settore assicurativo. Passando nel mezzo da marketing, informatica, comunicazione, costruzioni e formazione. Il risultato? La nascita di una holding che ora, sotto il suo cappello, ha la bellezza di circa una quindicina di società, ognuna specializzata in un campo d’azione differente.

Ma non solo, perché Tempocasa è anche molto di più. Tra le sue fila infatti il Gruppo conta anche le attività della sede centrale, lo sviluppo all’estero, i progetti benefici a cui si è dedicato negli anni e tanto altro. Per capire tuttavia come si è arrivati fin qui vi consigliamo di curiosare in questa sezione del libro partendo dalle prime due pagine che troverete: la linea del tempo dell’azienda. Scoprirete così da dove è cominciato tutto e come, quel tutto, è stato capace di evolversi nel tempo e arrivare fino al 2018.

Lo sviluppo all’estero

La prima volta che hanno capito che l’Italia, nel piano di sviluppo della rete, cominciava a stare loro stretta è stata alla fine degli anni Novanta. Quando, fatte le valigie, hanno preso un volo e sono partiti alla volta della Spagna, colonizzata con tante agenzie biancoverdi nell’arco di una manciata di anni. Poi c’è stata la crisi a metà dei Duemila, la chiusura di decine e decine di punti vendita nella terra dei toreri e, alla fine, una nuova rinascita.

Una rinascita che ha portato Tempocasa non solo lì, ma anche in mezza Europa grazie all’impegno dei vertici dell’azienda e soprattutto alla determinazione di quelle persone che hanno deciso di salutare l’Italia per esportare il marchio fuori dai confini tricolori. Tanto che ora, nel 2018, i progetti all’estero sono addirittura sette. Vediamoli però un po’ più da vicino.
In Spagna gli avamposti biancoverdi sono arrivati a quota tre. Il primo è a Valencia: qui le filiali sono circa una decina e sono coordinate da Sandro Codecà, da tempo punto di riferimento nel Paese giallorosso. Nel compito di gestire questa fetta di rete non è solo, anzi. È coadiuvato da Emidio Calvarese, amministratore delegato Pmc, e Daniele Allievi, che nel 2016 è partito con la famiglia per la città spagnola. Lasciata la Brianza, ha alzato la saracinesca dell’ufficio e oggi è uno dei perni di questa avventura. Da Valencia poi ci dobbiamo spostare a Barcellona, dove ci aspettano i fratelli Donato e Umberto Cuonzo. Nel 2017 i due project manager senior dell’Emilia Romagna hanno realizzato un sogno: inaugurare un punto vendita nel cuore della capitale della Cataluña, a due passi dall’incantata Sagrada Familia. E non solo, perché dopo esserci riusciti hanno già raddoppiato la posta in gioco con una seconda agenzia. Ad aiutarli, adottati dalla Spagna a tutti gli effetti, ci sono i due purosangue della loro scuderia Francesco Panico e Mattia Torricelli. Infine, sempre in Spagna, è arrivato Daniele Radice. Dopo essere stato direttore marketing del nostro Gruppo e aver contribuito in prima linea alla conquista di Londra, da settembre è protagonista di una nuova pagina della storia Tempocasa, questa volta a Madrid. Per la capitale spagnola, al fianco del socio Lorenzo Toresani, ha infatti già in mente grandi idee: si comincia con un negozio e poi, una volta avviato, i numeri sono pronti a crescere.

Nella rete estera Tempocasa tuttavia non ci sono solo i colori della Spagna. Tutt’altro. Nel 2014 si è arrivati in Lussemburgo, dove attualmente i punti vendita sono tre. A gestirli ci pensa Pascal Marchese, che nel piccolo Stato a metà dell’Europa ha trovato una nuova casa, una nuova vita e nuovi stimoli per fare sempre meglio e crescere. Con lui si era trasferito pure Stefano Somma, che da qualche tempo però ha lasciato la città di Lussemburgo e se n’è andato in Portogallo. Il motivo? Appendere persino lì un’insegna Tempocasa. Dove? A Lagos, il nostro primo distaccamento nella nazione nella splendida cornice della regione dell’Algarve. Da ultimo rimangono da citare altre due città. La prima è Londra, la seconda Lugano. Nel Regno Unito siamo planati nel 2015 con Radice, Toresani e niente meno che i Presidenti. Adesso a occuparsi dell’ufficio di Notting Hill, quartiere chic della capitale, c’è il responsabile Lorenzo Ruggiero, sostenuto in prima persona da Mileto Ferra, che in Inghilterra fa tappa tutte le settimane. Infine in Svizzera, nel 2018, hanno fatto capolino Arturo Mastropietro e Alan Pisano: i due manager milanesi hanno scelto il Canton Ticino per la loro prima esperienza all’estero e i risultati sono già ottimi.

Lascia un commento



*

code