Valorizzare il personale: il sistema delle premiazioni nel mondo Tempocasa

|
hr premiazioni tempocasa

Dare valore al personale. Perché il capitale umano è il vero punto di forza di un’azienda. Ciò che le permette di distinguersi dai competitor.
Quando ci si domanda quale sia il “motore” di un dipartimento Risorse umane, la risposta è proprio questa: dare valore al personale. Sì, è vero: uno dei compiti fondamentali di HR è essere partner del business, raccogliendone le esigenze e lavorando per centrarne gli obiettivi. Ma non solo: la responsabilità di chi si occupa appunto di risorse umane è anche, e soprattutto, quella di valorizzare ogni singolo collaboratore. Mettendone in luce i punti di forza e garantendogli la possibilità di esprimersi al meglio.

Come ci riesce il dipartimento HR Tempocasa? A spiegarcelo è Francesca Ravasi, HR Manager del Gruppo. “Ogni azienda, per incrementare l’efficienza dei lavoratori, deve saper mixare soddisfazione e motivazione. In questo senso sono fondamentali tutti quei processi che permettono al singolo di esprimere il proprio potenziale e la propria personalità. La soddisfazione personale, e la conseguente felicità di lavorare in un determinato ambiente, innescano un circolo virtuoso sia nello svolgimento delle proprie mansioni, sia nelle relazioni con colleghi e responsabili”.

Ma come si valorizzano, nella pratica, i collaboratori? Naturalmente i modi sono i più disparati: dal riconoscimento economico ai benefit aziendali, passando per riconoscimenti, piani di carriera, formazione. “Il nostro metodo di valorizzazione più ‘visibile’ è la premiazione durante una riunione, una cena o alla Convention, l’evento più prestigioso della rete. È importante, in questo senso, che il sistema premiante si basi su dati oggettivi, ma è altrettanto imprescindibile che sia condiviso nelle sue logiche dall’azienda al completo e che sia applicato uniformemente. La gratificazione pubblica, dopo il raggiungimento di un obiettivo, può trasmettere la giusta carica per rendere il personale ancora più motivato e affiatato. E, si sa, la felicità è contagiosa!”.

In Tempocasa, tuttavia, il sistema incentivante non è ancorato solo al raggiungimento di determinati risultati numerici. Vengono premiati, infatti, anche coloro che si distinguono per quei comportamenti che rispecchiano in pieno i valori aziendali. “Per noi è importantissimo dare ai nostri uomini l’opportunità di migliorarsi pure dal punto di vista personale e di accrescere le proprie responsabilità”, aggiunge.
Non solo. Un ruolo fondamentale lo giocano piani di crescita cuciti su misura, coerenti sia con le opportunità di business che con le attitudini personali. “All’interno della rete ci sono percorsi di carriera condivisi a livello nazionale. Ciò significa che ogni collaboratore sa fin dove può arrivare. Ma allo stesso tempo diamo spazio a iniziative e intuizioni personali, alla nascita di nuovi progetti e all’acquisizione di nuove competenze”. Ed è davvero così: se un collaboratore ha la possibilità di esprimersi e lasciare il proprio segno nell’attività lavorativa, allora l’azienda non può che crescere con personale soddisfatto e propenso alla collaborazione.

Certo, i numeri sono centrali per il dipartimento HR: “Avere tra le mani una serie di cifre e statistiche ci permette di comprendere alcune dinamiche e intervenire in modo strategico nell’evoluzione del Gruppo. Eppure, il valore umano non va mai dimenticato: come dice Will Rogers ‘I numeri non significano niente, sono le persone che contano’”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *