Lavori in casa: quali si possono effettuare senza permesso?

 

L’oppressione burocratica che nel Bel Paese per decenni ha dominato diversi settori economici ha, negli ultimi anni, visto un periodo di ridimensionamento delle specifiche richieste, necessarie per poter accedere a quelle comunemente conosciute come opere edilizie.

Difatti, l’accorpamento di numerose voci ha permesso di riunire in un ridotto insieme di pratiche la giungla che per decenni ha tormentato addetti ai lavori, nelle figure di tecnici incaricati e imprese esecutrici e, soprattutto, proprietari di immobili, spesso arrendevoli di fronte all’iter istruttorio anche del più semplice degli interventi manutentivi.

Ottemperando tale riduzione, la CILA, comunicazione di inizio attività asseverata e SCIA, segnalazione certificata inizio attività, sono divenute le principali protagoniste del maggior numero di opere che possono realizzarsi, all’interno di un appartamento come di un condominio, dando impulso ad una certa indipendenza mediante tutte quelle opere definite di edilizia libera.

Questo consente ai soggetti che abbiano intenti rinnovativi in seno agli immobili di proprietà, di poter agire in piena autonomia tanto in maniera fai da te quanto ricorrendo all’assunzione di ditte specializzate, per interventi di ristrutturazione ordinaria o ammodernamento, che non vadano ad incidere in alcun modo sulle volumetrie catastalmente deducibili, né tanto meno in modifiche di prospetti esterni o, comunque, di comune proprietà e godimento.

Ciò significa che all’interno delle mure domestiche sarà lecito, ad esempio, predisporre nuovi e più efficienti impianti idrici ed elettrici a patto che non comportino abbattimenti di muri perimetrali o divisori, ovvero che non intacchino in alcun modo l’integrità di solai e pavimenti.

Sarà inoltre possibile riconcettualizzare i rivestimenti interni, come gli stessi pavimenti, installare elementi come caldaie o climatizzatori, in particolare se rispondenti a parametri di risparmio energetico superiore, nell’ottica dell’efficientamento che, parimenti, consente di accedere a incentivi detraibili fiscalmente.

Nonché rimodulare gli infissi, rispettando norme condominiali e nulla osta da parte dell’amministratore circa modelli e colori, puntando a sistemi che salvaguardino il microclima interno ideale ovviando ai ponti termici, oltre ad un miglior comfort auditivo interno abbattendo i ponti acustici.

Ciò significa che anche tutte le opere minori come l’apposizione di un gazebo esterno o di un pergolato, purché non necessitanti per forma e dimensioni di fondamenta al terreno o modifica dei prospetti strutturali perimetrali, potranno essere scelti e installati in qualsiasi momento senza attendere alcun tipo di parere da ufficio tecnico comunale.

A tutti quei proprietari che dispongano, altresì, di aree esterne pertinenti l’immobile, elementi di arredo da giardino, come anche piccole strutture autoportanti o moduli assemblabili, sempre senza fondamenta, è data facoltà del libero arbitrio per disporre, nel migliore dei modi e a proprio piacimento, degli spazi interessati.

Grazie al famoso decreto sblocca Italia si è voluto porre un limite all’interessenza statale, significativamente gravante anche in lavori edilizi di esigua entità, che non potevano compromettere nessuno degli aspetti cui gli enti preposti erano chiamati a vigilare, quali garanti del modus operandi corretto, spesso latore di una spropositata quantità di pratiche asseverate, ossia soggette a nulla osta da parte di tecnici abilitati.

Lo stesso PdC, ovvero il permesso a costruire, ha subito un sostanziale alleggerimento degli obblighi di pratiche da presentare, ferma restante la possibilità di essere espletato solo ed esclusivamente da soggetti giuridicamente idonei e predisposti.

L’edilizia libera ha consentito l’ammodernamento di vecchi immobili in guisa da essere più appetibili per il mercato, di conseguenza risultando un incentivo stimolante alla tanto attesa ripresa del mercato, visto anche il recepimento delle direttive comunitarie, intese ad avvalorare il concetto immobiliare in linea con un sempre più adeguato efficientamento energetico.

Lascia un commento