La vera Pizza napoletana fatta in casa: la ricetta di Rosario Piscopo

|
pizza napoletana fatta in casa con Rosario Piscopo

Ammettilo: anche tu durante il lockdown, lo scorso anno, hai provato a fare la pizza fatta in casa.
Se il risultato non è stato dei migliori, allora faresti bene ad armarti di carta e penna e iniziare a prendere appunti. Perché, in occasione della giornata mondiale della pizza (fissata dallUnesco il 17 gennaio), stiamo per spiegarti come si prepara la vera pizza napoletana in casa.
Per farlo abbiamo chiamato il maestro pizzaiolo Rosario Piscopo. L’eccellenza napoletana ci ha raggiunto nei giorni scorsi a Milano per svelarci tutti i suoi segreti.

Sei pronto? Iniziamo dagli ingredienti.

INGREDIENTI IMPASTO PER 5 PERSONE

½ lt. Acqua
800 gr. Farina 00
25 gr. Sale
2 gr. Lievito fresco

INGREDIENTI CONDIMENTO PER 5 PERSONE

500 gr. Mozzarella
500 gr. Pomodori Pelati
Olio extra vergine d’Oliva spray
Foglie di Basilico fresco

STRUMENTI DI LAVORO

Quanto agli strumenti di lavoro, ci serviranno: una ciotola dai bordi alti, quattro scodelle, una spatola taglia impasto (o un coltello), una padella antiaderente con manico in acciaio (in alternativa puoi sempre rivestire il manico di plastica della tua padella con dei fogli di alluminio), una teglia e uno straccio.

Ti sei appuntato tutto? Bene, allora iniziamo.

 

Procedimento: ecco come si prepara la vera pizza napoletana in casa

Mettiamo nella ciotola l’acqua con il sale. Quindi aggiungiamo una manciata di farina e il lievito, iniziando a girare con le mani l’impasto per far sciogliere bene il sale. Andiamo avanti ad aggiungere poco per volta la farina, continuando a mescolare fino a ottenere un impasto solido.
«Quando l’impasto non si attacca più alle mani, lo tiriamo fuori dalla ciotola – spiega Rosario – e iniziamo a lavorarlo con energia direttamente sul nostro piano di lavoro. In media bastano 15-20 minuti per ottenere un panetto liscio e omogeneo».
Ottenuto un panetto liscio, lo lasciamo riposare per altri 20 minuti, coperto da un panno umido.

Quindi dividiamo l’impasto in cinque panetti di uguali dimensioni e li adagiamo sulla teglia (che avevamo preventivamente cosparso di un leggero velo di farina). Andranno lasciati riposare per 8 ore coperti da un panno umido.

Dopo 8 ore il nostro impasto è pronto per essere lavorato. «Per stendere l’impasto si usa la tecnica della mani a farfalla. Con i pollici sovrapposti andiamo a ricreare un movimento a onde dal centro verso la periferia, facendo attenzione a lasciare un centimetro dal bordo. Poi si inizia – come si dice a Napoli – a slappare: la mano destra lancia l’impasto verso il tavolo, la sinistra lo tira. L’operazione va ripetuta circa una decina di volte, finché non si ottiene un perfetto disco», spiega Rosario.

A questo punto adagiamo il disco nella padella e aggiungiamo i condimenti. Per prima cosa stendiamo un velo di passata di pomodori pelati (che abbiamo precedentemente schiacciato a mano con una forchetta) dal centro verso l’esterno. Quindi distribuiamo delle fette di mozzarella. «È possibile usare sia la mozzarella di Bufala, sia la Fior Di Latte. Personalmente preferisco la seconda perché è più magra e meno acquosa», precisa.

A questo punto siamo pronti a cuocerla. Accendiamo il fornello e, a fiamma, medio-alta cuociamo la nostra pizza per circa un minuto e mezzo, finché la parte sotto non inizia a colorarsi e si indurisce. Quindi, completiamo la cottura nel forno (che abbiamo preriscaldato a 260° sulla funzione grill) per altri due minuti. «E il gioco è fatto: in meno di quattro minuto la vostra pizza napoletana è pronta da degustare. Se chiudete gli occhi, vi sembrerà di essere a Napoli!».

Cosa aspetti? Inizia subito a preparare la pizza napoletana fatta in casa e facci sapere nei commenti qui sotto com’è andata!

 


Rosario Piscopo

Intervista a:

Rosario Piscopo
Maestro pizzaiolo Napoletano

Classe 1978, Rosario debutta in pizzeria all’età di 15 anni. Nel 2004 apre nel capoluogo campano, in via Egiziaca a Pizzofalcone (la via più antica di Napoli), la pizzeria “Rosario Piscopo”. È l’ideatore del format “Pizza Experience”, che l’ha portato in giro per tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *