TEMPOCASA 500 SHOW | La rete incorona i re e le regine del Gruppo

|
BLOG-BLOG
BLOG-MOBILE

L’appuntamento più atteso dell’anno per la rete biancoverde è arrivato: lunedì 13 e martedì 14 settembre, nella coloratissima cornice dell’Rds stadium di Rimini, è andato in scena il Tempocasa 500 Show, la due giorni che ha incoronato – uno dopo l’altro – i re e le regine del Gruppo.

La parola d’ordine? Sicurezza. Sì, perché l’evento è stato orchestrato nel pieno rispetto delle normative e delle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria. A rispondere “presente” gli oltre 500 punti vendita del franchising, che hanno festeggiato i successi e i traguardi tagliati nel corso dell’ultimo anno.

Sul palco, tra gli applausi, sono saliti i migliori consulenti e gli uffici più forti del 2020.

Il primo giorno i motori sono stati scaldati da Più Mutui Casa, la società di mediazione creditizia di Gruppo Tempocasa. Ad alzare le braccia al cielo ci hanno pensato la formazione di Milano-Cinque Giornate, Andrea Molteni e la squadra di Vignate, rispettivamente migliore financial point, direttore dell’anno e financial point Rivelazione. Sul fronte Tempocasa a mettersi la medaglia più preziosa al collo sono stati Patrizia Apollo, migliore service promoter, e i ragazzi di Binasco e Cento, alias il migliore ufficio acquisitore e l’ufficio Rivelazione 2020. Non solo: nella categoria uffici Scuola a pari merito si sono piazzati sul gradino più alto del podio i punti vendita di Zola Predosa, Bologna-Savena 2 e ancora Binasco. La chiusura della prima giornata è stata poi dedicata alla prima tranche di riconoscimenti “in singola”: Elena Delsignore è stata eletta la migliore pluriaffiliata, Thomas Bizzo il project manager junior più performante e Umberto Cuonzo il migliore project manager senior. Tra gli agenti immobiliari non c’è stata gara: Alessio Mattoscio, il diamante dell’ufficio di Binasco, ha messo la mano davanti a tutti gli altri, scalando la classifica e finendo dritto nell’Olimpo aziendale. E infine chi è il titolare dell’anno? Vittorio Farina, il capitano della filiale di Melzo.

 

La seconda giornata del Tempocasa 500 Show si è aperta con l’ufficializzazione di tre passaggi di carriera manageriali: Mario Magnani (già direttore della formazione Italia) è diventato team manager, mentre Alan Pisano e Marcello Tiepido supervisor.

Poi di nuovo spazio a coppe e targhe. Per Più Mutui Casa Cristina Albano ha trionfato come migliore K2 e il riconoscimento come manager azzurro dell’anno è andato dritto tra le braccia dell’area manager Laura D’Ambrogio.

Ritornando al mondo Tempocasa, le graduatorie degli uffici si sono fatte in tre. Per il girone A a ritornare in vetta, dopo tre anni, è stata l’agenzia di Binasco, guidata dai manager Stefano Stefanelli e Ludwig Zambonin. Per il girone B la standing ovation è stata dedicata al team di Casamassima e, infine, per il girone C la meglio l’ha avuta Messina-Centro storico. Per il gran finale dell’evento le ciliegine sulla torta sono state ben due. La prima è stata la nomina del migliore sviluppatore della rete, l’executive manager Antonino Buzzetta. La seconda è stato il momento più atteso della due giorni: la proclamazione della Persona dell’anno, il riconoscimento più importante e sentito dell’intera Tempocasa. A portarselo a casa è Alan Pisano: 

«Sono felice, non solo per questo riconoscimento ma anche per il percorso che mi ha portato a ottenere questo risultato. Guardo questa targa, dicono che ci sia scritto il mio nome, eppure sopra vedo i volti di molte altre persone. A partire dai miei genitori, che mi hanno dato la vita e insegnato valori, vedo il volto di mia moglie che mi ha sempre supportato e incentivato al sacrificio. Vedo tutti i ragazzi delle mie aree e poi l’uomo che conosco da 22 anni, Pierluigi Gallucci. Grazie per questa opportunità. E poi, se guardo bene, vedo anche i volti dei soci fondatori e poi il viso di un amico e di una grande persona, Daniele Palermo. È lui che nel 2017 mi ha aiutato a rinascere e, per questo, lo ringrazierò sempre».